Sport e attività nelle parrocchie: le nuove misure del Vicariato

0
27
coronavirus

Diocesi di Roma: nuovo DPCM, cosa cambia per lo sport?

Se, a seguito del decreto del presidente del Consiglio dei ministri dello scorso 13 ottobre sulle misure di contrasto e contenimento dell’emergenza Covid-19, rimangono invariate le indicazioni per le celebrazioni con il popolo, mutano invece le indicazioni per lo svolgimento di altre attività nelle parrocchie, in primis quelle sportive.

Sulla base del nuovo DPCM è consentito svolgere attività sportiva o motoria all’aperto e al chiuso, anche presso diocesi di roma, sportaree ecclesiali, «purché – rende noto l’Ufficio giuridico del Vicariato di Roma – nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività (salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti)».

Sono però vietate «tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere amatoriale».

Intanto, fa sapere ancora l’Ufficio giuridico del Vicariato di Roma, per quanto riguarda le aree ecclesiali, «sono in corso approfondimenti per verificare se sia possibile ricomprendere nell’ “apertura” riservata alle associazioni dilettantistiche la pratica degli sport di contatto effettuata con le tipiche modalità oratoriali». 

La nota con le nuove indicazioni dell’Ufficio giuridico del Vicariato di Roma 

Diocesi di Roma: le altre attività

Limitazioni anche per le attività di catechesi. «Ragioni di prudenza inducono, ove possibile,  – si legge ancora nel documento del Vicariato di Roma – ad avvalersi di modalità “a distanza”, eventualmente associate a ridotti diocesi di roma, lezioni a distanzaincontri “in presenza”.  È consentito l’accesso di bambini e ragazzi a spazi ecclesiali destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, al chiuso o all’aria aperta, con l’ausilio di volontari cui affidarli in custodia e con l’obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle indicazioni fornite dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia».

Sospesi ancora, per le parrocchie della Diocesi di Roma, pellegrinaggi e uscite di gruppi ecclesiali di qualsivoglia natura e ampiezza. Limitati i programmi per lo svolgimento di feste patronali e altri eventi che sia possibile organizzare in forma esclusivamente statica.

Il Governo dispone inoltre che «restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo». Da qui il divieto di attività similari, in qualsiasi forma svolte, anche presso le parrocchie o altri enti della Diocesi di Roma.

Sulla raccomandazione, contenuta nel nuovo DPCM, che invita a evitare di «ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei», la nota della Diocesi precisa che va «riferita, evidentemente, anche alle canoniche e agli analoghi spazi di monasteri e conventi».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here