Finanziamenti agli oratori, domanda entro il 28 febbraio

0
209
Oratorio

C’è tempo fino al 28 febbraio 2021 per presentare la domanda di accesso ai fondi di finanziamento stanziati dalla Regione Lazio per i progetti relativi alle attività per l’oratorio e a interventi a favore dell’infanzia. Tale contributo è a fondo perduto ed è previsto dalla Legge regionale n. 13 del 13 giugno 2001, che «conferisce pieno riconoscimento agli istituti denominati “Oratori” che svolgono attività di educazione e formazione rivolte ad adolescenti e giovani […] finalizzate a favorire lo sviluppo, la realizzazione individuale e la socializzazione dei minori, degli adolescenti e dei giovani di qualsiasi nazionalità residenti nel territorio regionale». Più in particolare tale Legge mira a supportare economicamente le attività volte «a promuovere la realizzazione di programmi, azioni e interventi, finalizzati alla diffusione dello sport e della solidarietà, alla promozione sociale e di iniziative culturali del tempo libero e al contrasto della emarginazione sociale e della discriminazione razziale, del disagio e della devianza minorile».

Per aiutare le parrocchie e gli istituti interessati, è attivo nella libreria “Sinite Parvulos” del Centro oratori romani, presso il Palazzo del Vicariato, uno sportello diocesano di consulenza per la verifica e la presentazione dei progetti e per la formulazione della successiva rendicontazione. Il servizio è aperto ogni lunedì dalle ore 9 alle ore 13. Per facilitare l’accesso ed evitare assembramenti, in osservanza delle misure di sicurezza sanitaria vigenti, è possibile prenotare un appuntamento inviando una mail all’indirizzo bandi@centrooratoriromani.org.

I soggetti destinatari dei finanziamenti sono parrocchie, istituti cattolici e altri enti di culto riconosciuti dallo Stato che abbiano sottoscritto gli appositi protocolli d’intesa previsti dall’art. 2 della Legge regionale 13 giugno 2001, n. 13, e che svolgano la loro attività in ambito regionale. I progetti potranno prevedere interventi per le seguenti attività: 1. Attività di oratorio o similari finalizzate alla promozione, all’accompagnamento ed al supporto della crescita armonica dei minori, degli adolescenti e dei giovani entro il limite massimo di € 20.000,00 (art. 3, comma 1); 2. Interventi strutturali finalizzati al potenziamento dell’offerta di servizi per l’infanzia a sostegno delle famiglie entro il limite massimo di € 30.000,00 (art. 2, comma 1 bis); 3. Interventi urgenti per situazioni che impediscono lo svolgersi delle attività di oratorio, nella misura del 4% dello stanziamento iscritto nell’apposito capitolo di bilancio (art. 3, comma 2 bis).

Una commissione, istituita con Decreto del Presidente della Giunta regionale, valuterà i progetti e concederà i finanziamenti per la loro realizzazione nei limiti dello stanziamento iscritto nel capitolo di bilancio e sulla base di una graduatoria formulata secondo specifici criteri (D.G.R. 13 dicembre 2005, n. 1123 e D.G.R. 2 febbraio 2006, n. 243).

18 gennaio 2021

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here